• prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
  • prodotti tipici ciociari
 
innerb
Post-it della Ciociaria

Tortino di tacchino al tartufo nero

Una ricetta della mia amica Arita...forse la preparerò sabato per i miei amici vi farò sapere come è...

Barchette di finocchio ripiene

Questa sera ho deciso di preparare del risotto al gorgonzola e avendo dei teneri finocchi in casa, h...

Prodotti Ciociari

{loadposition elencoprodotti}

Pane di semola di grano duro

"...La tradizione legata alla produzione di questo pane ha origine centenaria. Il forno a legna veni...

Ricotta di bufala infornata

"...Tradizione orale locale e familiare. Tracce in archivi comunali e presenza storica nella ristora...

Salsiccia di Castro dei Volsci

"Ancora oggi si alleva in casa il maiale per ricavarci salsicce per tutto l'anno. I maiali, nutriti ...

Pecorino ai bronzi

"Il Pecorino ai bronzi è una variante originale del Pecorino di Picinisco per la fase di s...

Panpapato

"E' conosciuto fin dall'antichità greca. Dal Medioevo, quando Anagni divenne una delle sedidel papat...

Fagiolone di Vallepietra

"La coltivazione del Fagiolone è presente da tempo remoto nella Valle dell'Aniene...nel comune di Va...

Ciambelle al vino

"Ciambelle al vino catalogate fra Paste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, dell...

Caprino presamico (di latte vaccino) di Supino

"Aggrappato alle pendici del versante orientale dei Monti Lepini, disposto come una lunga balconata,...

Ricotta di bufala Campana

"La tradizione della produzione della "Ricotta di Bufala Campana" racconta di un legame strettissimo...

  • Tortino di tacchino al tartufo nero

  • Barchette di finocchio ripiene

  • Prodotti Ciociari

  • Pane di semola di grano duro

  • Ricotta di bufala infornata

  • Salsiccia di Castro dei Volsci

  • Pecorino ai bronzi

  • Panpapato

  • Fagiolone di Vallepietra

  • Ciambelle al vino

  • Caprino presamico (di latte vaccino) di Supino

  • Ricotta di bufala Campana

Ricette della Ciociaria

Raccolta di ricette tradizionali espressione degli antichi sapori e aromi della terra ciociara

Itinerari tra gastronomia e cultura

Percorsi sulle strade dei sapori tradizionali e del patrimonio artistico locale

Ciociaria da visitare

Idee, consigli, proposte per scoprire e visitare i luoghi più significativi e caratteristici della terra ciociara

Acquafondata

Pubblicato il 20 Settembre 2013  da CristinadR  In I Comuni Ciociaria
Vota questa articolo
(1 Voto)

prodotti tipici ciociari acquafondata dVerde come un rigoglioso balcone, un'aria montanara frizzantina e leggera che rilassa la mente e lo spirito, grandi distese di alberi di querce, cerri, abeti, faggi, aceri rivestono la vallata, questo è Acquafondata, un caratteristico paese ciociaro  che continua a tenere vive le

tradizioni locali tramandate dalle generazioni precedenti, simbolo e rappresentante del Festival Internazionale della Zampogna. Perchè visitare Acquafondata? per trascorrere qualche ora lontano dallo stress cittadino, per immergersi nel verde e godere dei benefici della natura e ovviamente per la sua cucina semplice e autentica che sa di cose buone.

Un pò di geografia
Situato al centro di una vallata e circondato dai monti della Meta, il centro abitato è posto su di un poggio dominato dal monte Monna Acquafondata, nell'area meridionale delle Mainarde. (fonte wikipedia)

Un pò di storia
Il toponimo Acquafondata deriva dall'espressione Aqua fundata che indica acqua che precipita verso il basso.
Il paese fu fondato nell’alto Medioevo e, come riporta una pergamena del 1032, apparteneva ai Conti di Venafro, i quali in seguito lo donarono all’Abbazia di Montecassino.
Nei periodi della Rivoluzione francese e Napoleonico subì vari saccheggi e devastazioni.
Nel 1806 passò a far parte della Terra di Lavoro (CE) per volere di Gioacchino Murat. Acquafondata a quell’epoca era un tutt'uno con Viticuso e Casalcassinese.
Dopo il 1860, con l’Unità d’Italia, nel suo territorio fu luogo di eventi legati al brigantaggio.
A cavallo tra il 1800 e il 1900, in seguito ad una esecuzione della Banda di Acquafondata, particolarmente apprezzata dalla regina Margherita di Savoia, furono iniziati i lavori per il prosciugamento della malsana palude nella conca sottostante il paese: la regina volle conoscere il sindaco del paese (all'epoca Angelo Russo) per complimentarsi per l'esecuzione della banda musicale, e gli chiese cosa potesse fare per il paese; egli le spiegò il problema dell'acqua piovana ristagnante. Dopo pochi anni, cominciarono i lavori per la costruzione di un traforo di scolo, ancora oggi esistente sul territorio comunale.
Nel 1902 cessò l’unificazione amministrativa con Viticuso e Casalcassinese. Viticuso riottenne l’autonomia comunale mentre Casalcassinese rimase unito ad Acquafondata, che dal 1927 entrò a far parte della provincia di Frosinone.
Per la sua collocazione geografica tra il Lazio e il Molise, si ritrovò lungo la Linea Gustav. Il suo territorio divenne teatro di violenti combattimenti fra gli eserciti Tedeschi e Alleati, e nel 1944 il paese venne quasi distrutto. A ricordo delle azioni militari, reduci francesi e polacchi, rispettivamente, hanno innalzato monumenti alla memoria dei loro caduti. La liberazione di Acquafondata avvenne il 12 gennaio del 1944 ad opera delle truppe francesi che sfondarono dal lato di Venafro. Alla liberazione contribuirono, con informazioni molto preziose, quattro acquafondatari: il tenente d’Artiglieria Agostino Papa, Romano Neri, Domenico Neri e Domenico Mancone.
Nel 1944, infatti, Acquafondata era occupata dai tedeschi che presidiavano la Linea Gustav sul versante di Cassino e la Linea Reinhard sul versante molisano. I bombardamenti e i cannoneggiamenti, da parte degli Alleati, erano frequenti, soprattutto di notte: gli acquafondatari si ritrovarono a convivere con distruzione e morte. Per porre fine alle devastazioni, i quattro giovani, resisi conto dell'inefficacia delle azioni militari degli Alleati, decisero di far giungere al comando americano-francese le informazioni utili per attacchi mirati. L’unica via per passare il fronte e raggiungere gli Alleati era un tunnel che collegava la parte bassa del paese, lì dove oggi si trova il vivaio della Forestale, a Casalcassinese, che i quattro raggiunsero di notte, affrontando i bombardamenti e le mine, raggiungendo Venafro alle prime luci dell’alba. Gli Alleati li considerarono inizialmente delle spie, ma in seguito credettero alle informazioni sulla consistenza delle truppe tedesche e l’ubicazione dei capisaldi, che tornarono utilissime al Comando Francese per sferrare l’attacco del 12 gennaio del 1944 che libero Acquafondata dall'occupazione tedesca. Questo atto d’eroismo, in seguito, è valso ai due sopravvissuti, Romano Neri e Domenico Mancone, il riconoscimento della Presidenza della Repubblica che ha conferito loro il titolo di cavaliere.
Nel dopoguerra Acquafondata ha conosciuto il fenomeno dell’emigrazione, sicché le sue case, anno dopo anno, si sono svuotate. Nel periodo estivo si ripopola grazie al ritorno egli emigrati e a quanti la scelgono per trascorrervi un fine settimana o un’intera estate. (fonte wikipedia)

C'è da vedere
Chiesa di Santa Maria, costruita in onore del frate Domenico de Filippis
Chiesa della Madonna del Carmelo
Chiesa di San Rocco (XVII secolo)
Chiesa di San Giovanni Battista
Resti dei castelli di Acquafondata e Casalcassinese (XIV secolo)

Tradizione e folklore
Complesso Bandistico Città di Acquafondata
Il Complesso Bandistico d’Acquafondata, si è costituito nel lontano 1865, all’epoca indossava la divisa del glorioso corpo dei bersaglieri. Nei libri di storia, è documentato che una sua particolare esibizione, avvenuta alla fine dell’800 ha portato benefici a tutta la comunità. Tale esibizione, infatti, è avvenuta durante un viaggio del Re Vittorio Emanuele II, il quale partito da Roma per Caserta, fece sosta nelle terre di Ciociaria fermandosi a Roccasecca. Questa circostanza fece si che le autorità della zona accorressero a dare il benvenuto al Re, portandosi come motivo di acclamazione e saluto le proprie Bande Musicali. Rimasto entusiasta, per l’esibizione della Banda di Acquafondata, che per l’occasione, suonò la “Marcia Reale”, con la Regina Margherita di Savoia chiese di conoscere il Maestro della Banda, nonché il Sindaco del Paese di provenienza, per complimentarsi. Nel farsi avanti, il sindaco si scusò con la Regina, dell’abito misero e delle ciocie che indossava, ed Ella, colpita nella sua sensibilità, chiese al primo cittadino d’Acquafondata cosa potesse fare per loro. Il sindaco espose il problema del ristagno dell'acqua piovana, che provocava la malaria. I lavori ebbero inizio nel primo novecento, con la costruzione del traforo per lo scorrimento delle acque, traforo ancora oggi esistente nel Comune di Acquafondata. (fonte wikipedia)

Prodotti e Piatti tipici Locali

Festività Patronali, Fiere e Sagre

  • Santo Patrono San Giovanni Battista
  • Festa Patronale 29 agosto
  • Il 16 luglio si festeggia l'anniversario dell'apparizione della Madonna del Carmine (detta anche del Carmelo), avvenuta nel 1841 ad una pastorella mentre era al lavoro nei campi.
  • Festival internazionale della zampogna
  • Sagra degli gnocchi
  • Sagra dei maccheroni
  • Fiera del bestiame

Mercati

  • Lunedì mattina

Denominazione Abitanti

  • Acquafondatari

Come raggiungerci
In treno
Treno Roma-Napoli - fermata Cassino. Autobus CO.TRA.L. per Acquafondata
Via Autostrada
Da Roma: A1(Milano-Napoli) uscita Cassino. Superstrada Cassino-Sora direzione Sora - uscita S.Elia Fiumerapido. S.P. Vallerotonda Acquafondata.
Da Napoli: A1(Napoli-Milano) uscita Caianello. S.S. 6 Casilina direzione Cassino. Dopo 5 km. bivio Isernia: S.S. 85 per Venafro. S.P. per Pozzilli Filignano Acquafondata.

Info

  • Municipio tel. 0776.584432
  • Pro loco tel. 0776.584491

http://prolocoacquafondata.jimdo.com/

Login to post comments

Presente e Passato

Un viaggio fra il quotidiano e le tradizioni della terra ciociara

Eventi

In primo piano feste,sagre, eventi, spettacoli in programmazione nei paesi ciociari

Prodotti della nostra terra

Scopri i prodotti tipici della gustosa cucina ciociara e l'originale artigianato locale